Spedizioni a partire da 6.90€. Spedizioni GRATIS per ordini superiori a 69€

Bianchello del Metauro

RSS
Bianchello del Metauro

Di origini molto antiche e non del tutto chiarite, il Bianchello del Metauro prende il nome dal più importante fiume delle Marche che attraversa tutta la regione dagli Appennini al Mar Adriatico fiancheggiando la via Flaminia.

La storia ricorda un episodio piuttosto divertente legato a questo vino, colpevole di aver inebriato i soldati cartaginesi guidati da Asdrubale, fratello del più famoso Annibale, durante la battaglia del Metauro che avvenne nel 207 a.C. e fu uno degli scontri decisivi della seconda guerra punica. Lo storico latino Tacito racconta che i soldati romani si trovarono a combattere un esercito in stato di ebbrezza incapace di primeggiare in battaglia favorendo così la vittoria romana.

Grazie alla sua millenaria storia e alla sua vivacità e freschezza, è stato il primo prodotto della regione Marche ad avere la denominazione che gli è stata riconosciuta nel 1969. La sua zona produzione comprende 18 comuni concentrati principalmente a nord del fiume Metauro e si estende dall'entroterra fino alla costa.

Si tratta di un vino dalla non eccessiva gradazione alcolica, dal sapore secco, fresco e delicato che si serve a 12 °C. La produzione prevede l’utilizzo per un minimo del 95 % del vitigno Biancame a cui è ammessa l’aggiunta, per il restante 5 %, della Malvasia Toscana.

Una delle proprietà del Bianchello è la sua grande beva - termine che in enologia sta a indicare il grado di bevibilità di un vino - che permette di apprezzarlo soprattutto giovane accompagnando aperitivi, antipasti o menù di pesce. Caratterizzato da un colore giallo paglierino scarico, dai riflessi verdi e dalla grande trasparenza che ne esalta ancora di più la freschezza, il Bianchello è un vino armonico e delicato, con profumi e gusti tenui che richiamano l’odore della frutta fresca e dei fiori primaverili.

I Bianchelli del Metauro non sono tutti uguali, la zona di produzione dona a ogni vino la sua particolarità: i vini prodotti verso la costa sono spiritosi e allegri, mentre quelli prodotti nell’entroterra hanno gusti più tenui e delicati.

Post Precedente Prossimo Post

  • Ilaria Giovanzana